Formazione

Formatori: alla ricerca del feedback perduto!

Dalla mia esperienza di formatore ho imparato che il processo formativo è una danza continua e costante, un gioco di equilibri, un continuo prendere e restituire all’aula.

Quando entro in aula, per viaggiare sulla stessa lunghezza d’onda delle persone che mi trovo di fronte, assaporo il clima che sento intorno a me, cerco di percepire il campo energetico e capire se si sofferma alla pancia, al petto o alla testa; colgo lo stato dei partecipanti e sono pronta a portarli ad uno stato di interesse, quello più funzionale per l’apprendimento.

Questo è l’esempio di come il feedback, (la “restituzione” ma in italiano fa poco fighi) sia uno degli elementi sostanziali di un buon processo formativo. In merito alle funzioni generali dell’insegnamento Barak Rosanshine, studioso dell’apprendimento e professore dell’Università dell’Illinois, distingue alcuni passaggi fondamentali, di cui gli ultimi sono i seguenti:

  • conduzione di pratica guidata (mostrare, chiedere, rispiegare, offrire feedback);
  • sostegno e correzione tramite continuo feedback;
  • conduzione verso la pratica indipendente (il docente fornisce supervisione attiva);
  • verifiche e revisioni, settimanali e mensili, degli apprendimenti (altri feedback).

Ti rendi conto di quante volte è comparsa la parola feedback?

Ok, ma precisamente, tu sai cos’è un feedback?

No, no non è quella cosa carina che fanno di “docentucci” alla fine di una lezione quando chiedono “cosa ti porti a casa?”, “cosa ti è piaciuto della lezione?”; “cosa non ti è “piaciuto”?”; magari fatto in plenaria così da prendersi i “bravo, bravissimo” dei partecipanti.

Il feedback è cosa seria! Fatto per gente seria!

È quell’insieme oggettivo e professionale, fatto di “cosa ha funzionato” e “cosa non ha funzionato”, che lascia la persona con una metafora, uno spazio aperto di riflessione, qualcosa in cui specchiarsi e trovare qualcosa in più di se stesso.

Hai capito ora cosa è un feedback?

Beh si forse in linea teorica si, in pratica no! Questo lo so per certo.

Sai perché? Perché l’apprendimento è un processo lungo, è fatto di prove ed errori, di feedback continui anche sul concetto di feedback.

Quindi, ci tieni ad essere un formatore che faccia la differenza?

Allora sappi che la presa in carico dei tuoi allievi, di qualunque grado siano, non si limita alle ore di formazione in aula, ma è un continuum che dovrai portare avanti fino a che non sarai riuscito ad andare sullo sfondo, restituendo loro feedback continui.
La teoria, i protocolli, i metodi, da soli non bastano se poi non segui o non vieni tu stesso seguito sul fare, sull’azione!

Non fate come fa il prete…

Del resto, il feedback, secondo gli studi di Hattie (Visible Learning: A Synthesis of Over 800 Meta-Analyses Relating to Achievement), è l’azione più efficace in ambito formativo, perché permette all'allievo di sapere se sta procedendo nella giusta direzione.
E a noi piace predicare bene e razzolare meglio!

Scritto da Rossella Annunziata Gargiulo a cura di Luigi Lucci

Ecco perché abbiamo deciso di strutturare un master in cui il feedback è continuo e costante, e dura il tempo sufficiente per renderti autonomo nella tua professione di formatore.
Clicca sul banner e scopri i dettagli del percorso.

Master in Gestione Risorse Umane

Se desideri conoscere il percorso di Master in Gestione Risorse Umane per i top Manager del prossimo futuro
CLICCA QUI
Pin It

Dove Siamo

Bottom Logo

TUTTA UN'ALTRA VITA S.R.L.S. unipersonale
Partita iva 08241511214
Codice fiscale 08241511214 Sede Legale Via Vespucci n. 9 - 80142 - NAPOLI